Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma anche Austria e Danimarca irritate dall'azione

La Turchia rompe le relazioni diplomatiche con Israele


La Turchia rompe le relazioni diplomatiche con Israele
31/05/2010, 13:05

ANKARA (TURCHIA) - E' il primo Stato a prendere iniziative concrete per l'attacco israeliano alla "Freedom Flottilla": la Turchia ha deciso di rompere le relazioni diplomatiche con Israele e ha richiamato il proprio ambasciatore. Ci sono diversi motivi alla base di questa azione. Innanzitutto la Turchia era lo sponsor principale della "Freedom Flottilla", tanto che la nave assaltata dai commandos israeliani era battente bandiera turca. inoltre pare che uno dei 19 morti fatti dagli israeliani fosse un deputato turco. E con questa azione, il governo di Tel Aviv ha perso il suo più grande alleato nel mondo musulmano. Infatti la Turchia finora si era sempre spesa a favore di Israele nei consessi internazionali, arrivando anche ad utilizzare la propria influenza per moderare le reazioni degli altri Paesi musulmani. Questo può creare molto danno, a livello di relazioni internazionali. Inoltre la Turchia ha anche deciso di annullare una partita di calcio tra le due nazionali under 18, prevista nei prossimi giorni.
Ma non è l'unica nazione ad avere reagito male. Anche Austria e Danimarca hanno convocato gli ambasciatori israeliani per chiarimenti; un tipo di convocazioni che denotano irritazione da parte del governo. La Grecia ha annullato la visita di un alto rappresentante dell'aviazione israeliana, prevista per martedì primo giugno. Molto più soft la reazione del governo statunitense che ha espresso "rammarico" per le vittime dell'incursione israeliana.
Intanto il Ministro della Difesa di Tel Aviv insiste con la sua versione dei fatti: "Non c'è una crisi umanitaria e nessuno muore di fame nella striscia di Gaza, dove il problema è il fatto che il controllo del territorio è nelle mani di un'organizzazione terroristica (Hamas)". Meno male che l'Onu e l'Oms già hanno detto che a Gaza tutta la popolazione soffre di malformazione e malattie derivanti dalla prolungata malnutrizione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©