Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'AFGHANISTAN RISCHIA UNA GRAVISSIMA CRISI UMANITARIA


L'AFGHANISTAN RISCHIA UNA GRAVISSIMA CRISI UMANITARIA
30/08/2008, 13:08

L'Afghanistan ha bisogno di aiuto urgente per evitare una crisi umanitaria il prossimo inverno, con milioni di persone che rischiano di trovarsi alle prese con le peggiori condizioni di vita da 20 anni a questa parte. E' quanto afferma oggi un'importante organizzazione umanitaria britannica. L'Afghanistan è uno dei Paesi più poveri del mondo, con oltre metà della popolazione che vive sotto la soglia di povertà e milioni di persone quotidianamente alle prese con la carenza di cibo. Circa mille persone sono morte nell'ultimo inverno, eccezionalmente rigido. "E' una corsa contro il tempo, la comunità internazionale deve rispondere velocemente prima dell'inverno, quando le condizioni peggiorano", dice in un comunicato Matt Waldman, a capo del piano d'azione per l'Afghanistan dell'organizzazione britannica Oxfam. "Se la risposta è lenta o insufficiente, le persone potrebbero essere costrette a vendere i loro averi o lasciare case e villaggi, e potrebbe esserci un ulteriore peggioramento dal punto di vista della stabilità", aggiunge. Secondo Oxfam, nella provincia centrale di Dai Kundi, la gente rischia di fare i conti con le peggiori condizioni di vita degli ultimi vent'anni e condizioni analoghe potrebbero registrarsi in altre aree. Molte zone dell'Afghanistan in inverno sono praticamente inaccessibili per via della neve, delle strade inadeguate e del deteriorarsi delle condizioni di sicurezza. In una lettera ai ministri che si occupano dello sviluppo internazionale, Oxfam chiede una "risposta umanitaria più efficace" dopo i 404 milioni di dollari stanziati in risposta al suo appello a luglio. Mentre Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada e Commissione Europea hanno già stanziato i fondi, molti altri devono ancora rispondere all'appello e finora è stato raggiunto solo un quinto dell'obiettivo, spiega Oxfam.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©