Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Solidarietà da tutto il mondo per "l'eroe iracheno"

Lanciò scarpe a Bush: Inizia il processo



Lanciò scarpe a Bush: Inizia il processo
19/02/2009, 13:02

E' stato aggiornato al 12 marzo il processo iniziato questa mattina al giornalista iracheno che nel dicembre scorso lanciò le sue scarpe contro l'allora presidente americano George W. Bush, nel corso di una conferenza stampa a Baghdad. L'udienza, nel tribunale all'interno della Zona Verde, è durata poco più di due ore, durante le quali sono state svolte le normali procedure ed è stato ascoltato un primo testimone, ovvero un impiegato del Consiglio dei ministri, e quindi è stato chiamato a parlare l'imputato, Muntazar al Zaidi. Ai giornalisti iracheni, a cui è stato impedito l'accesso all'aula, il presidente del tribunale Faek al Zeidan, ha poi riferito che la prossima udienza avrà luogo il 12 marzo. "Abbiamo deciso di prendere contatto con il governo per sapere se la visita del presidente Bush fosse una visita ufficiale o meno", ha detto, precisando che si tratta di una decisione presa su richiesta della difesa. L'avvocato che dirige il collegio di 25 legali che assicura la difesa del giornalista, ha detto che "ci sono ragioni psicologiche, sociali e politiche per il suo gesto. Voleva esprimere il suo rifiuto per l'occupazione". All'uscita dell'aula, l'imputato, che è in prigione da dicembre e rischia quindici anni di reclusione, è stato salutato applausi e grida di incoraggiamento da una piccola folla che ha assistito all'udienza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©