Dal mondo / America

Commenta Stampa

In difesa del Papa sul caso del prete pedofilo Murphy

L'Arcivescovo di Milwaukee: non è colpa del Vaticano


L'Arcivescovo di Milwaukee: non è colpa del Vaticano
31/03/2010, 15:03

USA - Questa volta per difendere Papa Benedetto XVI dall'accusa di avere protetto i preti pedofili, scende in campo direttamente l'arcivescovo di Milwaukee, monsignor Jerom E. Listecki. Infatti, sul sito della diocesi è apparsa una nota che specifica: "Sono stati fatti errori nel caso Lawrence Murphy, il sacerdote pedofilo accusato di aver abusato 200 bambini handicappati" ma "non sono stati compiuti a Roma nel 1996, 1997 e 1998. Gli errori sono stati fatti qui, nella arcidiocesi di Milwaukee, nel 1970, nel 1980 e nel 1990, dalla Chiesa, da parte autorita' civili, da funzionari della Chiesa, e dai vescovi. E per questo chiedo perdono a nome della Chiesa e in nome di questa arcidiocesi di Milwaukee".
Il punto è che non ci si può aspettare di meno da un arcivescovo, se non che difenda il Papa. Di conseguenza anche una assunzione di responsabilità del genere, pur nella sua importanza, è credibile solo fino ad un certo punto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©