Dal mondo / America

Commenta Stampa

"Obama è un africano"

Le affermazioni di Romney sollevano un polverone di accuse

Il candidato a Londra per incontrare Cameron

Le affermazioni di Romney sollevano un polverone di accuse
26/07/2012, 19:27

Sempre più viva e accesa la gara per la Casa Bianca. I due candidati presidenti non perdono occasione per “punzecchiarsi a vicenda” . Quella a cui si assiste è una vera battaglia senza esclusioni di “colpi” soprattutto adesso che i due si trovano in una costante situazione di testa a testa, secondo quanto riferito dai sondaggi.

Questa volta però c’è stato chi ha superato la soglia, sollevando intorno a se un polverone di accuse e indignazione difficile da spazzare via. Stiamo parlando del Repubblicano Romney che nel corso della giornata di ieri è intervenuto con una dichiarazione alquanto scorretta.

Con lo scopo di assistere al debutto nelle gare di dressage di Rafalca, il cavallo della moglie, considerato uno dei favoriti, ma soprattutto nell’intento di incontrare il premier britannico David Cameron, Romney si è recato a Londra dove,  l’aspirante candidato si è espresso con questa considerazione:  “Obama è un africano” . N on ancora pienamente soddisfatto del proprio intervento ha aggiunto “ Non capisco le tradizioni anglosassoni”.

Sarà stata l’aria british  o l’incontro con il premier Cameron, certo è che Romney ha approfittato della sua visita a Londra anche per fare una solenne promessa: se eletto, ha annunciato che riporterà nella Stanza Ovale della Casa Bianca il busto di Winston Churchill, sostituito da Obama nel 2009 per far posto al ritratto di Martin Luther King. Insomma, un omaggio al popolo britannico e suo vecchio statista.

A causa di questo grosso scivolone non sono stati pochi gli imbarazzi che si sono creati. Necessario è stato l’intervento di un portavoce del premier britannico Cameron che si è affrettato a smentire quanto riportato dal Daily Telegraph. Il tentativo però non è servito a mettere un punto alla vicenda.

L’unica spiegazione ad un passo così azzardato potrebbe trovarsi nell’intenzione del candidato repubblicano di far colpo proprio sul premier conservatore britannico che, come noto da tempo, non nutre particolare simpatia nei confronti di Obama. Secondo lo staff di Romney, la sfiducia di Cameron nell’attuale presidente americano non sorge solo dalle numerosi questioni ancora aperte tra i due,  ma anche dalle origine africane di Obama.

Le dichiarazioni di Romney sono state calcate in un secondo momento anche dai suo enturage, che ha comunicato “Obama è di sinistra. Noi invece siamo parte della tradizione anglosassone e pensiamo che la speciale relazione con la Gran Bretagna sia veramente speciale". "Questa Casa Bianca non capisce a pieno il passato che abbiamo in comune" .

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©