Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Delicata ed innovativa operazione

Le cellule staminali utilizzate per ridare la vista


Le cellule staminali utilizzate per ridare la vista
23/12/2009, 17:12

Un gruppo di 9 persone, che soffrono di forme di opacizzazione della cornea, è stato sottoposto ad un nuovo tipo di terapia, presso il North East England Steam Cell di Newcastle. Una equipe di chirurghi ha prelevato delle cellule staminali dal bordo della cornea dell'occhio sano (la zona esterna della cornea contiene molte cellule non specializzate, ndr) e le ha fatte moltiplicare su una apposita base, fino a ricreare una sorta di nuova cornea, che ha preso il posto di quella danneggiata. Finora già in uno di questi nove casi, il sistema sembra avere funzionato. Si tratta di Jan Turnbull, che aveva perso la vista ad un occhio quando, durante un litigio su un autobus, gli venne schizzata dell'ammoniaca nell'occhio. A seguito di questo fatto, la cornea si era opacizzata e soffriva anche di violenti dolori. Finora è quello che per primo ha reagito, ma si stanno osservando progressi anche negli altri pazienti così trattati. Per ora i medici, anche se sono entusiasti dei risultati, preferiscono non sbilanciarsi eccessivamente.
Quello che è certo è che sono tante le cause per cui la cornea si può opacizzare. E non sempre si può effettuare il trapianto. Usando questa tecnica con le cellule staminali, si possono risolvere moltissimi problemi, senza correre alcun rischio di rigetto, dato che si utilizzano staminali prese dallo stesso individuo. E' il principio base che rende insostituibile la ricerca su questa tipologia di cellule.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©