Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il Governo Tunisino condanna le incursioni libiche

Le forze di Gheddafi attaccano il territorio tunisino

In Libia altri 12 morti

Le forze di Gheddafi attaccano il territorio tunisino
29/04/2011, 17:04

Le forze leali del leader libico Gheddafi dopo aver preso possesso del posto di frontiera occupato in precedenza dai ribelli della regione libica delle montagne, si sono recate in Tunisia. Dopo aver attraversato il confine si sono scontrati contro le truppe locali tunisine per ricercare quei ribelli rifugiatisi proprio nel territorio della Tunisia.
Mentre i fedeli di Gheddafi hanno attaccato la città di Dehiba,distruggendo palazzi, ferendo un residente ed entrando nel centro abitato alla ricerca dei ribelli, questi ultimi avrebbero annunciato di aver ripreso possesso del posto frontiera. A riferirlo è stato proprio uno di loro, Akram el Muradi.
La guerra che le due parti si stanno facendo ormai da settimane, è arrivato ad un punto in cui si procede con continue ritirate da entrambe le parti e rapidi scontri.
È la prima volta che le forze libiche di terra oltrepassano il confine della Tunisia e ieri sera il governo della Tunisia non ha è perso tempo inviando un comunicato nel quale condannava le incursioni dei libici. Nel frattempo una folla di persone già si è radunata nella cittadina di Dehiba per impedire che le forze pro-Gheddafi possano rientrare nel territorio. Nel corso della colluttazione sono morti e rimasti feriti alcuni soldati di Gheddafi ma la folla afferma che i militari tunisini hanno sparato colpi di pistola in aria per allontanare le forze libiche e hanno incitato i tunisini a mettersi al riparo.
In tanto in Libia le forze della Nato continuano le loro azioni contro Gheddafi e proprio in queste ultime ore i raid aerei della Nato hanno colpito le forze del leader libico impegnate nell’attaccare i ribelli a Zintan.
Anche i morti non cessano di esserci. Altri 12 sono stati vittime dei bombardamenti delle forze di Gheddafi avvenuti a Bengasi, roccaforte ribelle. Secondo la Nato inoltre,le forze pro-Gheddafi avrebbero minato il porto di Misurato cercando di impedire l’arrivo di supporti umanitari.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©