Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Il dittatore non si arrende e gioca nuove carte

Le minacce-terrorismo di Gheddafi. Rischia l'Europa

Richiesta dal Rais una Commisione di Inchiesta in Libia

Le minacce-terrorismo di Gheddafi. Rischia l'Europa
06/03/2011, 20:03

Le minacce del dittatore della Libia, Muammar Gheddafi oltrepassano il Mediterraneo è arrivano a colpire anche l’Occidente ed in particolare l’Europa. Nessun cenno di ritirata da parte del dittatore, al contrario invia una nuova controffensiva e mette in campo anche la carta del la minaccia terrorismo . Gheddafi infatti rivolgendosi all’Europa ha anticipato che senza di lui sarà "invasa da migliaia" di immigrati, che " nessuno sarà in grado di fermare", ma quello che resta sconcertante sono bel altre affermazioni : se mi minacciano, se destabilizzano il Paese ci sarà il caos, arriveremo a Bin Laden, a dei gruppi terroristici"."Bin Laden verrà a installarsi in Africa del Nord: lo avrete alle vostre porte”. Il capo della Jamahiriya sconcertato dall’inconsapevolezza che secondo lo stesso avrebbe l’Europa nei confronti di quello che si stà verificando ovvero una guerra contro il terrorismo, continua con le minacce, preannunciando quello che potrebbe accadere:” Attaccheranno la sesta flotta americana, ci saranno degli atti di pirateria qui, alle vostre porte, a 50 km dalle vostre frontiere... sarà veramente una crisi mondiale.”
Il comandante lancia in oltre una proposta nei confronti dell’ONU e verso l’Unione Africana, quella di  compiere una missione nel paese. Invita con questo in LIbia una Commissione di Inchiesta, alla quale promette libertà di movimento , in modo che possa valutare la situazione direttamente sul territorio e che possibilmente sia guidata dalla Francia, paese che Gheddafi ricorda di avere grandi interessi in Libia. Proprio su quest’ultima il dittatore coglie l’occasione per esprimere la propria delusione in quanto  sarebbe dovuta essere la prima ad inviare una commissione di inchiesta dato gli stetti rapporto con il Presidente Sarkozy. Non è mancato il dissenso neanche nei confronti della repressione di questi giorni delle Nazioni Unite ed infine confermata la detenzione di tre elicotteri olandesi in Libia perché privi di autorizzazione. Il Rais si esprime  così:  “è normale “.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©