Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Berlusconi offeso dalle parole dei colleghi

Le reazione della Unione europea all’uscita di Monti


Le reazione della Unione europea  all’uscita di Monti
11/12/2012, 09:20

ROMA  - Dopo i mercati  che  “bocciano” il ritorno di Silvio Berlusconi come candidato premier, anche i  principali leader politici europei sono preoccupati dell'uscita di scena di Mario Monti, unanimemente considerato un ottimo presidente del Consiglio.

A far scendere in campo tutti i maggiori leader europei  e' stata la reazione dei mercati alla crisi politica. "Abbiamo bisogno di un'Italia forte e stabile", rimarca il presidente della Commissione europea, Jose' Manuel Barroso. "Mario Monti e' stato un grande premier", sottolinea il presidente dell'Ue, Herman Van Rompuy.

"Ho visto Monti molto attivo, non e' in disarmo", la considerazione anche del presidente francese, Francois Hollande mentre la cancelliera Angela Merkel ha voluto far sapere di lavorare molto bene con il premier italiano.

Non ha gradito, invece, Silvio Berlusconi, le parole dei  colleghi  europei. Il cavaliere in una dichiarazione   ha affermato che:   "Le reazioni eccitate e fuor di luogo di alcuni politici europei e di alcuni quotidiani stranieri alla notizia di un mio impegno rinnovato nella politica italiana risultano offensive non tanto nei miei confronti personali quanto per la liberta' di scelta degli italiani".  

"Sono sempre stato un europeista convinto e mi sono sempre battuto per un'Europa meno burocratica e più  unita politicamente, con una politica monetaria unica, con una politica estera unica, con una politica della difesa unica, e quindi una Europa che conti di più  sulla scena internazionale", sottolinea l'ex premier.

"Sarebbe fin troppo facile collegare queste ingerenze, del tutto ingiustificate sul piano della democrazia e del mio impegno in Europa, con l'ennesima manovra speculativa tesa a indebolire le nostre aziende e a renderle facile preda di acquirenti stranieri", afferma ancora Berlusconi, riferendosi a quelle che definisce "reazioni eccitate e fuor di luogo di alcuni politici europei e di alcuni quotidiani stranieri alla notizia di un mio impegno rinnovato nella politica italiana".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©