Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'epopea di "balloon boy": tutta una montatura?


L'epopea di 'balloon boy': tutta una montatura?
16/10/2009, 13:10

Ha fatto il giro del mondo la notizia, tenendo tutti in ansia, ma poi si è scoperto che non erano problemi. Parliamo di Falcon Heene, il bambino statunitense di 5 anni che, come dicevano le prime notizie, ieri era salito sulla mongolfiera che il padre aveva costruito per il suo hobby di metereologo dilettante e aveva sciolto i cavi di ancoraggio. La mongolfiera in poco tempo era sparita dalla vista. Dopo alcune ora era stata ritrovata a molte miglia di distanza dal punto di partenza, ma vuota. Si erano fatte le ipotesi più preoccupate, compresa quella che il bambino, forse per il terrore, si fosse buttato dal cesto in cui stava durante il volo.
Dopo alcune ore di terrore, il bambino - soprannominato "balloon boy" - è stato trovato in uno scantinato della sua abitazione, perchè in realtà non era mai salito sulla mongolfiera. Quindi sembrava essersi tutto risolto. Ma a gettare benzina sul fuoco è stato lo stesso Falcon. Quando il giornalista gli ha chiesto perchè avesse fatto una cosa del genere, la risposta è stata: "Mi avevate detto che era uno show". A quel punto il giornalista ha chiesto delucidazione al padre Richard, che ha seccamente smentito.
Eppure c'è una possibilità. Gli Heene sono una famiglia nota da quelle parti, come "cacciatori di uragani", cioè coloro che seguono, con grande pericolo, la traiettoria degli uragani, per filmarli, magari dall'interno. Inoltre hanno partecipato ad un paio di trasmissioni sulle TV USA molto note. Che abbia usato questo trucco per attirare clamore pubblicitario?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©