Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

LIBANO IN STATO DI EMERGENZA


LIBANO IN STATO DI EMERGENZA
24/11/2007, 10:11

Il presidente libanese Emile Lahud ha proclamato lo stato di emergenza, poche ore prima della scadenza del suo mandato.  L'annuncio dell'instaurazione dello stato di emergenza e' stato dato dal portavoce di Lahud, Rafik Shlal. In un comunicato letto da Shlala, il filosiriano Lahud - il cui mandato scade alla mezzanotte - ha proclamato ''l'esistenza di pericoli per lo stato d'emergenza in tutto il territorio libanese a partire dal 24 novembre 2007''. Lahud ha quindi ''chiesto all'esercito di assumere la responsabilita' della sicurezza in tutto il territorio libanese'' e di ''porre tutte le forze armate sotto il controllo'' dello stesso esercito.
Il leader cristiano d'opposizione libanese Michel Aoun ha dichiarato  che - dopo il previsto messaggio alla nazione del capo dello stato uscente, il filosiriano Emile Lahud - sara' ''un candidato deciso'' alla presidenza della Repubblica. ''Dopo le 22:00 saro' di nuovo un candidato deciso alla presidenza della Repubblica'', ha detto Aoun, che ieri sera aveva avanzato una proposta perche' egli stesso nominasse un candidato alla massima carica e il leader sunnita della maggioranza parlamentare antisiriana Saad Hariri un altro candidato premier per la guida di un nuovo governo. La proposta di Aoun era stata pero' respinta da Hariri, a nome della maggioranza che sostiene il governo del premier Fuad Siniora. Stamani, il Parlamento non e' intanto riuscito - per la quinta volta in due mesi - ad eleggere un successore di Lahud, il cui mandato scade alla mezzanotte, ed e' stato riconvocato per il 30 novembre, per consentire alla maggioranza antisiriana e all'opposizione guidata da Hezbollah di continuare a negoziare per concordare un candidato ''consensuale'' alla presidenza della Repubblica. 

Con lo ''stato d'emergenza'' proclamato dal presidente libanese uscente Emile Lahud le Forze di sicurezza interna (Fsi, polizia) e tutti gli altri corpi armati passano sotto il comando dell'esercito, guidato dal generale Michel Suleiman. Lo hanno precisato all'ANSA fonti militari. Per il momento, nessun commento da parte del comando dell'esercito e' giunto alla decisione del filosiriano Lahud, il cui mandato scade alla mezzanotte
(Fonte:ansa.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©