Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Libano: sassi e bastoni contro i soldati italiani dell'UNIFIL


Libano: sassi e bastoni contro i soldati italiani dell'UNIFIL
20/07/2009, 08:07

Anche se se ne parla poco e molti se ne sono dimenticati, una parte dell'esercito italiano è stanziata, come caschi blu dell'ONU, nel sud del Libano a fare da cuscinetto, dopo che nel 2006 Israele invase la zona. Ma la presenza di questo esercito (che comprende anche altre nazioni, oltre all'Italia) suscita sentimenti di insofferenza nella popolazione. E così ieri una pattuglia mista italiana e francese, è andata in un paesino ad un chilometro da Khirbet Silim per una operazione di pattuglia ed è stata accolta dall'odio della popolazione, che ha scagliato sassi e bastoni contro i soldati. I quali hanno cominciato a sparare - secondo quanto hanno dichiarato - in aria, per far scappare gli assalitori ed evitare il linciaggio di un gruppo di soldati su una jeep, che erano stati circondati. Il bilancio, tra i soldati, è stato di tre soldati italiani e undici francesi contusi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©