Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Sono scossi e sono stati picchiati, ma stanno bene

Liberati i 4 giornalisti italiani rapiti in Libia


Liberati i 4 giornalisti italiani rapiti in Libia
25/08/2011, 13:08

TRIPOLI (LIBIA) - Alla fine è andata tutto bene. I quattro giornalisti italiani - Domenico Quirico, della Stampa; Elisabetta Rosaspina e Giuseppe Sarcina del Corriere della Sera, Claudio Monici dell'Avvenire - rapiti ieri in LIbia, sono stati liberati oggi. Secondo quanto hanno raccontato, erano stati imprigionati in un appartamento a Tripoli, ma altri due giovani oggi hanno fatto irruzione e li hanno liberati. I quattro giornalisti stanno bene e hanno contattato subito i rispettivi giornali, che hanno diffuso la notizia. Uno di loro è stato picchiato e ne riporta anche i segni; ma niente di grave
In base a quanto hanno detto, sono stati fermati non dai soldati di Gheddafi, ma da una "banda" che stava con loro, formata da civili armati.
E non è finita qui: è notizia di pochi minuti fa che si sono sentiti molti spari intorno all'hotel Corinthia, a Tripoli, dove sono i giornalisti che sono stati liberati ieri dall'hotel Rixos. Su Rainews ha fatto vedere delle immagini in diretta, dove si vedevano i giornalisti che scappavano e poi si sono sentiti i colpi di varie armi: fucili d'assalto, almeno una mitragliatrice di grosso calibro, anche una esplosione (forse una granata o un colpo di cannone). Per ora non si sa se ci sono morti o feriti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©