Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Evasore fiscale promette di ripagare la cifra dei reati

Liberato Weiwei,l'artista cinese sostenuto dal mondo artistico

Precarie le sue condizioni di salute

Liberato Weiwei,l'artista cinese sostenuto dal mondo artistico
22/06/2011, 18:06

Weiwei, l’artista dissidente cinese di 54 anni, arrestato il 3 aprile, è stato liberato su cauzione.
L’uomo era stato fermato mentre era in partenza per Hong Kong per motivi di lavoro ed il suo arresto è stato dovuto all’evasione fiscale.
Il suo rilascio è stato reso noto dall'agenzia ufficiale di stampa Nuova Cina, che ha inoltre comunicato che il rilascio è avvenuto in seguito alla confessione dei reati fiscali e dopo la promessa di ripagare la cifra che avrebbe evaso. Non poco influenti nella scarcerazione di Weiwei le sue condizioni di salute, che risultano essere al quanto precarie.
Nel corso di questi tre mesi, l’arresto dell’artista aveva suscitato molte polemiche da parte di tutta la comunità internazionale. Weiwei è stato da sempre un artista molto apprezzato non solo dai concittadini ma anche da tutto il mondo artistico. Non ha stupito infatti, la petizione online che è stata lanciata per la scarcerazione dell’uomo e a cui hanno partecipato i principali musei e istituzioni culturali internazionali.
Ulteriori pressioni sulla vicenda sono derivate dalla lettera che, pochi giorni fa, il presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baretta aveva reso nel corso della manifestazione veneziana e gli artisti avevano recato a Pechino per richiedere la scarcerazione di WeiWei.
Sono state proprio queste iniziatiche che hanno convinto, il 15 maggio, le autorità cinesi nel permettere alla moglie di recarsi da Weiwei per controllare il suo stato di salute.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©