Dal mondo / America

Commenta Stampa

Liberi gli ostaggi della sede di Discovery Channel


Liberi gli ostaggi della sede di Discovery Channel
02/09/2010, 09:09

WASHINGTON - Era James Jay Lee l'uomo armato di bomba e pistola che ieri a Silver Spring nel Meryland, poco lontano da Washington, per oltre quattro ore ha tenuto in ostaggio tre persone, tra cui un uomo della sicurezza, nel palazzo centrale dell'emittente televisiva Discovery Channel.
Il sequestratore, un asiatico di 43 anni che già in passato aveva protestato fuori al suddetto edificio e per questo arrestato nel 2008, era un ambientalista estremista che riteneva che la razza umana fosse la "sporcizia" del pianeta, una minaccia per flora e fauna. Lee aveva chiesto più volte in maniera esplicita al canale televisivo Discovery Channel di "smetterla di incoraggiare la riproduzione umana", convinto che il boom demografico avrebbe distrutto il pianeta che, dunque, sarebbe stato salvo soltanto se abitato esclusivamente da animali. Finchè ieri è giunto a compiere il gesto estremo, introducendosi armato nel palazzo intorno alle ore 13,00. Ma il momento di terrore è terminato grazie all'intervento delle forze dell'ordine: dopo l'allarme, dato da alcuni impiegati, l'uomo è stato immediatamente intercettato grazie alle telecamere a circuito chiuso; il palazzo è stato subito evacuato di gran parte dei suoi dipendenti, ed anche la zona circostante è stata messa sotto controllo; dopo ore di trattative, infine, la polizia ha fatto irruzione nell'edificio, ha sparato all'uomo, uccidendolo, e liberato gli ostaggi.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©