Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Obama: ''sono profondamente preoccupato dalle notizie''

Libia: 200 morti con oltre 1000 feriti


Libia: 200 morti con oltre 1000 feriti
20/02/2011, 09:02

LIBIA - I morti in Libia secondo fonti del giornale Indipendent sarebbero circa 200 con oltre 1000 feriti, in tre giorni di scontri.
Intanto per fermare le violenze nel paese, una cinquantina di esponenti religiosi fiancheggiati da intellettuali hanno lanciato un ultimatum alle forze di sicurezza perchè non uccidano più altri manifestanti.
Secondo al Jazira sono presenti in Libia numerosi mercenari stranieri pagati dal regime per reprimere la rivolta dei manifestanti.
Ieri membri della famiglia del ''colonnello''(la moglie, con la figlia Aisha e i suoi bambini) avrebbero gia' lasciato la Libia, con un volo diretto a Dubai.
Barack Obama, si e' detto "profondamente preoccupato" dalle notizie di violenze, « Gli Stati Uniti condannano l'uso della violenza da parte dei governi contro manifestanti pacifici in questi Paesi o dovunque possa accadere » .
Berlusconi pressato dai giornalisti con domande concernenti l' amico Gheddafi, rispondeva in questo modo « NO, non lo ho sentito. La situazione è in evoluzione e quindi non mi permetto di disturbare nessuno;siamo preoccupati per tutto quello che sta succedendo nell’intera area. Mi sto interessando direttamente e stiamo seguendo con il cuore in gola la situazione relativa all’arrivo degli immigrati nel nostro Paese » .
In serata è ritornato sull'argomento in collegamento da villa Arcore con un convegno Pdl « I nuovi governi dei Paesi da cui avvengono le partenze degli immigrati possano intervenire per bloccare questo fenomeno, consentendo che questa situazione si normalizzi » .
Il mancato schieramento del governo contro la repressione libica non ha fatto altro che riscaldare gli animi già bollenti dell'opposizione, e diversi sono stati i commenti:
Pannella partecipando al congresso del Partito Radicale ha abbracciato l'argomento libico « Il Pd è complice insieme a Silvio Berlusconi dell'indegnità del rapporto tra Italia e Libia » , criticando i vari governi D'Alema e Berlusconi che non hanno fatto altro che aiutare la dittatura di Gheddafi facendolo diventare un re.
Casini ha invece tuonato « In Libia è in corso un silenzioso massacro di giovani intellettuali e lavoratori che protestano contro un regime liberticida. Le autorità italiane assistono in modo silenzioso e forse imbarazzato nel ricordare le indegne sceneggiate a cui ci ha costretto ad assistere il colonnello Gheddafi sul territorio italiano con la sola voce indignata di una parte dell'opposizione. Chiediamo che il Governo riferisca in Parlamento al più presto su quanto sta avvenendo e che le Camere esprimano una condanna netta e ferma per atti di violenza perpetrati nei confronti di spontanee manifestazioni di protesta popolare contro un regime tirannico » .
Sono sconsigliati dalla Farnesina viaggi in Cirenaica, regione che si differenzia dal resto del paese per i propri intrecci storico-culturali con l'Egitto e il mondo mediorientale.
Il sito del ministero degli esteri 'Viaggiare sicuri', è costantemente aggiornato sulla situazione delle coste africane.


 

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©