Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Wam: "Le relazioni tra Eau e Cnt saranno governo-a governo”

Libia, Gheddafi gioca a scacchi mentre gli EAU riconoscono il CNT



Libia, Gheddafi gioca a scacchi mentre gli EAU riconoscono il CNT
13/06/2011, 10:06

Ritorna a farsi vivo il colonnello Gheddafi, dalle immagini trasmesse della Tv di Stato libica. Il video mostra Gheddafi mentre gioca a scacchi con il russo Kirsan Ilymzhinov, presidente della Federazione internazionale di scacchi, nelle immagini si vede anche il figlio maggiore di Gheddafi, Muhammad, che è l’attuale dirigente della Federazione olimpica libica.

Secondo quanto riportato sul quotidiano arabo 'al-Quds al-Arabi', il russo ha confermato di aver giocato a scacchi con il colonnello, dicendo che "Gheddafi non ha alcuna intenzione di lasciare il potere, l'incontro non si è svolto in un bunker, ma in uno degli edifici amministrativi della capitale. Gheddafi ha detto che non ha alcuna intenzione di lasciare la Libia perchè è la sua patria e la terra dove sono cresciuti e morti i suoi figli e i suoi nipoti".

Mentre il colonnello si diletta nella partita a scacchi, è di queste ultime ore la notizia che Gli Emirati Arabi Uniti (Eau) hanno riconosciuto ufficialmente il Consiglio nazionale di
transizione (Cnt) della Libia "come il solo legittimo rappresentante del popolo libico". Questo è quanto riferisce l'agenzia di stampa governativa Wam: "Le relazioni tra Eau e Cnt saranno del tipo da governo-a governo per tutte le questioni relative alla Libia", ha dichiarato il ministro degli Affari esteri, sceicco Abdullah bin Zayed, sottolineando che "non c'é oggi alcun altro rappresentante legittimo in Libia tranne il Tnc".

Il ministro ha inoltRe annunciato l'apertura di un ufficio rappresentativo a Bengasi "presto". Il riconoscimento ufficiale giunge a pochi giorni dal terzo incontro del gruppo di contatto, ospitato giovedì proprio ad Abu Dhabi, e durante il quale è stato definito il meccanismo di distribuzione degli aiuti finanziari internazionali per sostenere i ribelli libici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©