Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

L’avanzata su Sirte continua: verso l’attacco finale

Libia: i ribelli conquistano il villaggio natio di Gheddafi

Intanto il Cnt ha annunciato un rimpasto di governo

Libia: i ribelli conquistano il villaggio natio di Gheddafi
03/10/2011, 18:10

SIRTE - In attesa di lanciare l’assalto finale su Sirte, le milizie del Consiglio Nazionale Transitorio pare abbiano messo a segno un successo di grande importanza simbolica: dopo giorni di intensi combattimenti, infatti, le forze del Cnt hanno fatto sapere di aver espugnato il villaggio natale dell’ex rais, Qasr Abu Hadi, una ventina di chilometri a sudovest della roccaforte del vecchio regime. Nonostante si creda che Muammar Gheddafi sia nato nella stessa Sirte, in realtà il colonnello venne alla luce nel 1942, sotto una tenda da nomadi, proprio in quello che all’epoca era soltanto un minuscolo villaggio, oggi, a quanto pare, finito nelle mani dei ribelli.
L’avanzata delle forze del Cnt verso Sirte, dunque, continua regolarmente e resta per il momento l’obiettivo numero uno. Fonti mediche presso l’ospedale da campo più vicino al teatro delle operazioni, una cinquantina di chilometri a ovest, hanno peraltro riferito di aver ricevuto istruzioni dal Consiglio Militare di Misurata affinchè si preparino a fare fronte a un crescente flusso di feriti, in vista di un imminente attacco finale. Quest’ultima eventualità è stata tuttavia per il momento esclusa da un altro comandante delle milizie del Cnt, Hamed al-Hassi. “Dentro ci sono ancora oltre quindicimila persone”, ha sottolineato, “non possiamo sacrificarle”. Hassi ha precisato che le operazioni militari si concentreranno invece sul sobborgo meridionale di Bouhadi dove, secondo quanto riferito da alcuni prigionieri lealisti, si nasconderebbe Mutassim-Billah Gheddafi, quinto figlio del colonnello e già suo consigliere per la Sicurezza Nazionale.
Intanto il Consiglio Nzionale Transitorio (Cnt) libico ha annunciato un rimpasto di governo, in attesa che il Paese sia completamente liberato dalle forze fedeli a Gheddafi. La nuova composizione dell’esecutivo sarà resa nota nei prossimi giorni, ha spiegato il presidente del Cnt, Mustafa Abdel Jalil, in una conferenza stampa.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©