Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Centinaia i manifestanti: “Bengasi svegliati”

Libia, in piazza contro il Cnt: “Manca di trasparenza”

L’impegno di jalil: maggiore limpidezza nei lavori

Libia, in piazza contro il Cnt: “Manca di trasparenza”
13/12/2011, 14:12

BENGASI – “Bengasi svegliati”: è all’insegna di questo slogan che si è consumata ieri la prima grande manifestazione libica contro il Cnt (Consiglio Nazionale di Transizione libico). Il Cnt, salito al potere con la caduta del regime, della cui opposizione è stato uno dei principali autori, ora viene accusato di poca trasparenza. Ed è proprio per denunciare la gestione opaca del Consiglio Nazionale che a Bengasi, roccaforte della rivoluzione libica, centinaia di manifestanti sono scesi in piazza, puntando il dito contro Mustafa Abdel Jalil, attualmente capo del Cnt.
Ma il motto che ha accompagnato la protesta non è stato solo “Bengasi svegliati”. “Il popolo vuole una nuova rivoluzione”, “il popolo vuole far cadere il Cnt”, hanno gridato e scandito i manifestanti, dichiarando di essere scesi in piazza per “correggere il procedere della rivoluzione”. “Dov’è il denaro del popolo?”, “Lo slogan della rivoluzione del 17 febbraio era la trasparenza. Dov’è ora?”, si leggeva infatti sui cartelli e sugli striscioni innalzati dalla folla.
La mobilitazione di protesta ha provocato nell’immediato la reazione del presidente Abdel Jalil. L’impegno preso è quello di una maggiore trasparenza sulle attività e la composizione del Consiglio Nazionale di Transizione. Jalil ha anche chiesto al popolo libico di avere pazienza. “Il Consiglio - ha detto – attiverà il suo sito internet, fornirà la lista dei suoi componenti e i loro curricula, renderà pubbliche tutte le sue attività”. Dopo la caduta del regime di Gheddafi, infatti, una delle maggiori preoccupazioni sembra essere proprio il post Muammar, ovvero il lavoro svolto dalle nuove autorità libiche nella fase di transizione. Preoccupazioni che scaturiscono da una effettiva mancanza di organizzazione. Dopo le proteste avvenute in città, inoltre, oggi sembra arrivare una nuova rassicurazione: il Cnt ha annunciato la “decisione” di fare di Bengasi “la capitale economica della Libia”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©