Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Il resto della famiglia lascerà Algeri per il Sudafrica

Libia: Muammar e Mutassim Gheddafi seppelliti all’alba

I corpi ora sono sepolti in una località segreta del Sahara

Libia: Muammar e Mutassim Gheddafi seppelliti all’alba
25/10/2011, 14:10

TRIPOLI – Muammar Gheddafi e il figlio Mutassim Billah sono stati sepolti all’alba, in una località segreta del deserto Sahara. Ancora una volta è Al Jazeera a rendere pubblica la notizia, confermando quanto il Consiglio Nazionale di Transizione libico aveva sostenuto nelle scorse ore: lo stesso Cnt, infatti, aveva preannunciato una sepoltura in luogo segreto e alla presenza di poche persone, al fine “di evitare tensioni tra la popolazione” e per evitare che la tomba dell’ex leader libico potesse diventare “un luogo di culto, o che fosse saccheggiata e fatta oggetto di atti vandalici”. Alla cerimonia di sepoltura, infatti, erano presenti solo pochi membri della tribù di Gheddafi, che si sono limitati a recitare diverse preghiere. Autorità libiche del Cnt, idunque, assicurano attraverso Al Jazeera che tanto il padre, quanto il figlio, sono stati inumati “con il rispetto dovuto”.
Intanto, saranno anche solo indiscrezioni, ma i componenti rimasti in vita della famiglia dell’ex rais, che attualmente si trovano ad Algeri, pare stiano progettando di trasferirsi presto in Sudafrica. Lo rivela il quotidiano algerino “Asshorouk”, smentendo in questo modo l’iniziale ipotesi che potessero cercare rifugio in un paese del Golfo. Si tratta della moglie di Muammar Gheddafi, Safia, la figlia Aisha e due figli maschi Hannibal e Mohammed. Le autorità algerine, prosegue la fonte, si erano già messe d'’ccordo prima della morte del colonnello con un paese del Golfo perchè ospitasse la famiglia, ma quest’ultimo aveva deciso di accogliere soltanto le donne rifiutando di ospitare i due figli maschi. Dopo questo rifiuto, la famiglia ha scelto il Sudafrica, perchè disponibile ad ospitarli tutti. In Sudafrica vi è la maggior parte dei fondi della famiglia di Gheddafi.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©