Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Ieri sera era partito dalla costa libica verso l'Europa

Libia: naufraga un peschereccio: 3 morti e decine i dispersi

A bordo almeno 25 persone in più di quante potevano esserci

Libia: naufraga un peschereccio: 3 morti e decine i dispersi
27/08/2012, 19:29

IL CAIRO (EGITTO) - Ieri sera un peschereccio con a bordo decine di immigrati egiziani clandestini è affondato al largo delle coste a est della Libia, vicino al confine con l'Egitto. E' stata l'agenzia ufficiale libica Lana a riferire l'accaduto. Sull'imbarcazione si trovavano una quarantina di immigrati. Tre persone sono morte e almeno 31 disperse. Il barcone era partito dalla Libia ed era diretto in Europa. Si è capovolto tra la costa egiziana e quella libica, la guardia costiera egiziana ha avviato le ricerche nella zona di Burdi e ha recuperato tre cadaveri e cinque superstiti, come hanno fatto sapere dal governo al Cairo. Il ministero degli Esteri egiziano ha attivato il consolato a Bengasi.  La prima persona che si è messa in salvo è il 23enne Mohammed Abdul Qadir. Il giovane egiziano ha lanciato l'allarme per il barcone carico di migranti, dopo essere riuscito a nuotare fino alla città costiera libica di Bardiya, a confine con l'Egitto. Secondo Qadir, c'erano almeno 25 persone in più rispetto alla capacità di trasporto del peschereccio. Si presuppone che il resto dell'equipaggio sia morto annegato, ma continuano le ricerche. Nell'aprile dello scorso anno più di 200 migranti, tra cui 40 donne e molti minori morirono nell'affondamento nel canale di Sicilia di un barcone in fuga dalla Libia. Human Rights Watch precisa che almeno 1500 migranti sono morti lo scorso anno mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Oggi si ripercorre una storia che è ormai scritta nel loro dna. 

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©