Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Gheddafi torna in tv. Dalle immagini sembra in buona salute

Libia, raid notturni della Nato: affondate 8 navi del regime

Mistero sulla moglie e la figlia del rais. Sono fuggite?

Libia, raid notturni della Nato: affondate 8 navi del regime
20/05/2011, 10:05

TRIPOLI - “Tutti gli obiettivi della Nato sono di natura militare e direttamente collegati agli attacchi sistematici perpetuati dal regime di Gheddafi contro il popolo libico”: con queste parole Russel Harding, vicecomandante dell’operazione “Unified Protector”, giustifica la serie di raid notturni Nato che hanno affondato 8 navi da guerra delle forze pro Gheddafi nel porto di Tripoli, Al Khums e Sirte.
Proprio poche ore prima di questo nuovo attacco dell’Alleanza, la televisione libica ha diffuso nuove immagini del colonnello, mentre incontra un funzionario del regime di ritorno da una missione in Russia. Si tratta delle prime immagini del rais, che non appare in pubblico ormai da diversi giorni e nelle quali si vede Gheddafi in una sala, con sullo sfondo una televisione accesa sulla prima rete della tv di Stato e la data “giovedì 19 maggio 2011”. Vestito di bianco e nero, il leader libico indossa degli occhiali da sole scuri e sembra in buona salute. Poco dopo un comunicato del regime libico ha risposto alle parole pronunciate poche ore prima da Barack Obama definendo “deliranti” le assicurazioni sulla sicura caduta del colonnello: “Non è Obama che decide se Gheddafi lascia la Libia o no” ma “è il popolo libico che decide il suo futuro”.
Intanto continua il giro di informazioni, di volta in volta smentite, sulla sorte della moglie e della figlia del rais. Le due donne sarebbero fuggite dalla Libia per rifugiarsi in Tunisia: a confermarlo è il segretario di stato Usa, Hillary Clinton, per la quale la pressione internazionale sul regime libico consente “progressi lenti, ma costanti”. “La pressione - ha precisato la Clinton - si è accresciuta al punto che la moglie e la figlia di Gheddafi sono fuggite verso la Tunisia” nelle ultime 48 ore. Le voci sulla fuga in Tunisia della moglie e della figlia di Gheddafi, Sofia e Aisha, circolano da giorni, ma sono sempre state smentite da fonti libiche. Anche questa volta, infatti, è arrivata la smentita attraverso le parole del portavoce del governo di Tripoli, Moussa Ibrahim: “Nessuna delle due donne ha lasciato il Paese”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©