Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Si sospettano le milizie del Presidente del Parlamento

Libia: rapito e poi liberato in poche ore il leader libico


Libia: rapito e poi liberato in poche ore il leader libico
10/10/2013, 17:15

TRIPOLI (LIBIA) - Ha destato grande sconcerto la notizia che questa mattina un gruppo di persone armate ha sequestrato, dall'albergo in cui vive a Tripoli, Ali Zeidan, premier libico. Poche ore dopo l'uomo però è stato rilasciato, come confermato via Twitter dal leader dei Comitati supremi di sicurezza Hashim Bishr e dal ministro degli Esteri libico, Mohamed Abdelaziz. I primi sospettati sono stati i gruppi legati ad Al Qaeda, ma il rapido rilascio ha fatto cadere quella pista. E' stato sospettato anche il Presidente del Parlamento, Abu Sahmain, che ha tenuto in mattinata una conferenza stampa per smentire qualsiasi suo coinvolgimento della vicenda. 
C'è stata anche una rivendicazione della "Camera dei rivoluzionari di Libia", ex ribelli che hanno dichiarato di aver arrestato il rpemier libico, con un mandato della Procura Generale libica, come conseguenza dell'arresto, da parte dei soldati americani, di Abu Anas al-Liby, uno dei vertici di Al Qaeda nel Maghreb. Secondo il vicepresidente Usa John Kerry, infatti, il governo libico era al corrente dell'operazione. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©