Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Si aspetta l’ok politico. Potrebbero partire a breve

Libia: si fa strada l’ipotesi dei “Predator” senza pilota

I ribelli conquistano un deposito di armi a Zenten

Libia: si fa strada l’ipotesi dei “Predator” senza pilota
28/06/2011, 16:06

Potrebbero essere gli aerei-spia italiani l’arma in più della Nato per individuare i movimenti delle truppe di Gheddafi. Si fa strada sempre di più l’ipotesi di un possibile utilizzo dei velivoli senza pilota, i cosiddetti “Predator” dell’Aeronautica militare, da utilizzare per l’operazione “Unified Protector” in Libia. Gli studi di fattibilità su tale utilizzo sono stati effettuati in queste settimane dagli stati maggiori ed hanno dato esito positivo: a questo punto la decisione è solamente politica e non è escluso che a breve, forse già nelle prossime settimane, possa arrivare il via libera definitivo. A guidare a distanza sui cieli libici i nostri “Uas” (Unmanned aerial system) potrebbero essere i militari super specializzati del 32esimo stormo di Amendola (Foggia), gli stessi che già oggi sono in grado di pilotare questi “Predator” su precisi obiettivi nell’area di Herat, in Afghanistan.
Nella versione “B”, inoltre, più grande e in grado di volare a quote più alte rispetto al “Predator A+”, gli aerei senza pilota italiani potrebbero anche non limitarsi alle ricognizioni aeree, ma avrebbero la possibilità di essere dotati di armamenti di precisione. L’Italia dispone attualmente di due “Predator B”, che diventeranno sei entro la fine del prossimo anno. “Il Predator B – ha spiegato il colonnello Fabio Giunchi, comandante del 32esimo stormo - ha capacità elevate nel campo della ricognizione. Saremmo in grado di operare con successo anche in Libia e potremo farlo già dalla seconda metà di luglio”.
Intanto, in Libia, continua l’avanzata dei ribelli libici: questi hanno preso possesso, questa mattina, di un importante deposito d’armi in una zona desertica a 25 chilometri a sud di Zenten. Arrivati da nord con alcuni blindati intorno alle 9, i ribelli hanno preso possesso di questa località che ospita numerosi edifici adibiti a depositi d’armi. Le forze fedeli a Muammar Gheddafi hanno inviato alcune unità di soldati ed hanno avuto luogo ripetuti scambi di colpi d’arma da fuoco. Secondo i ribelli, una colonna di veicoli militari delle truppe di Tripoli sarebbe stata presa in un’imboscata e tre mezzi sarebbero stati distrutti. I ribelli hanno superato festosi la zona dello scontro e si sono diretti verso altre direzioni, trovando incustodite numerose armi abbandonate dalle truppe di Gheddafi in ritirata.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©