Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Donne violentate a Ajdabiya

Libia: Sirte in mano ai ribelli

Continua la marcia degli insorti

Libia: Sirte in mano ai ribelli
28/03/2011, 10:03

SIRTE (LIBIA) - Gli insorti conquistano Sirte, città natale di Gheddafi a sud - est di Misurata. Questa mattina all'alba si sono registrate nove forti esplosioni.
I ribelli hanno torvato una città indifesa, nessun problema per entrare e conquistare una città dal forte valore strategico e simbolico. Sirte è caduta facilmente, neanche l'obra di truppe lealiste ad allontanare gli insorti.
La notizia a Bengasi, roccaforte dei ribelli, è stata accolta con colpi di pistola in aria e suoni di clacson.
La parte dolente è di sicuro quella che riguarda le donne violentate. oggi, infatti, arriva la denuncia di alcuni medici di Ajdabiya che sostengono che le forze di Gheddafi avrebbero commesso violenze sessuali su diverse donne della città, ree di aver espresso il loro sostegno alla rivolta dell'opposizione contro il regime.
Secondo indiscrezioni, sarebbero scomparse nella stessa città 175 persone , molte delle quali ritenute morte.
Intanto, dopo la formalizzazione del passaggio alla Nato del comando di tutte le operazioni militarilegate al rispetto della risoluzione 1973 dell'Onu, la Turchia si offre come mediatore per raggiungere quanto prima un cessate il fuocotra le parti per evitare che la Libia diventi un nuovo Iraq o Afganistan.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©