Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Gheddafi non si arrenda e contrattacca

Libia:I ribelli lasciano Brega ma conquistano Zawiyah

Tripoli:cittadini senza gas ed elettricità

Libia:I ribelli lasciano Brega ma conquistano Zawiyah
20/08/2011, 19:08

Da poco giunta la notizia della conquista da parte dei ribelli libici del centro delle attività petrolifere, la città di Brega e già si parla di una ritirata. I ribelli sono stati costretti ad abbandonare la loro conquista a causa della controffensiva del colonnello Gheddafi, che se pur messo alle strette, non da cenni di cedimento e risponde agli attacchi con tutti i mezzi rimasugli a disposizione. È stato uno dei comandanti delle milizie insurrezionali, il colonnello Omar Bani, a riferire che:” Venerdì la zona industriale era completamente sotto il nostro controllo, ma sabato la situazione è cambiata a causa dei bombardamenti dell'artiglieria pesante nemica”.
Nessuna tregue sembra prospettarsi dai due fronti. da un lato Gheddafi e le truppe fedeli continuano a bombardare e difendere la città, alcune fonti parlano di 10 mila uomini intenzionati a non andarsene. Dall’altra i ribelli che continuano a sperare e contano di conquistare al più presto l’aeroporto. Intanto già diffusa la notizia della conquista (di questo pomeriggio) di Zawiyah, situata a 50 chilometri dalla capitale. Una mossa astuta sulla quale i ribelli contano per poter avanzare verso la capitale. Zawiyah rappresenta infatti un importante sede di giacimenti petroliferi e l’unico punto di rifornimento energetico per le truppe del rais.
Intanto la situazione a Tripoli peggiora attimo dopo attimo. Barriere e posti di blocco accerchiano la città e, così come stabilito dal rais si intensificano i blocchi per le strade e gli uomini sul tetto. La gente vive nel terrore e nonostante siano presenti le forze di sicurezze, manca il gas e l’elettricità.
Nessuna resa quindi da parte di Gheddafi ma il nPresidente del Consiglio nazionale transitorio libico (Cnt), Mustafa Abdel Jalil afferma:” la fine di Gheddafi è vicina. Mi aspetto una fine catastrofica per lui e per i suoi. E mi aspetto anche che creerà una situazione (di anarchia) a Tripoli. Spero di sbagliarmi”.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©