Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Frode fiscale e riciclaggio di denaro

L’infanta di Spagna Cristina citata in giudizio


Nella foto la figlia del re Juan Carlos, l'infanta Cristina
Nella foto la figlia del re Juan Carlos, l'infanta Cristina
07/01/2014, 15:21

SPEGNA  - Il Tribunale di Palma de Majorca ha citato in giudizio la figlia del re di Spagna Juan Carlos, l'infanta Cristina, per frode fiscale e riciclaggio di denaro, nell'ambito del cosiddetto scandalo Noos. La donna, 48 anni, nonostante il parere contrario della Procura, è stata convocata per riferire in udienza il prossimo 8 marzo. L’inchiesta ha inferto un duro colpo all’immagine della monarchia spagnola. L'infanta dovrà rispondere delle accuse di malversazione e riciclaggio in relazione a fondi pubblici per circa 5,8 milioni di euro ricevuti dalla Fondazione Noos per la promozione dello sport, che fa capo al marito, l'ex giocatore di pallamano Inaki Urdangarin. Quest’ultimo, insieme al socio Diego Torres, è il principale indagato nelle indagini in corso. Il giudice Jose Castro, titolare del caso, già nell'aprile scorso aveva indagato Cristina di Borbone, ravvisando indizi di concorso in corruzione nello scandalo Noos. Tuttavia il tribunale superiore di Maiorca, l'Audiencia Nacional, sospese l'accusa per insufficienza di prove.  

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©