Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Si tratta del caccia di addestramento M346 dell'Aermacchi

L'Italia venderà 30 aerei ad Israele, in cambio di aerei-spia


L'Italia venderà 30 aerei ad Israele, in cambio di aerei-spia
17/02/2012, 10:02

ROMA - Per la prima volta Israele compra all'estero un aereo militare che non sia americano: si tratta dell'italiano M346, dell'Alenia Aermacchi. Si tratta di un aereo da addestramento, biposto, che può anche essere armato con armi vere e sostituirà i vecchi ed obsoleti Skyhawks, troppo lontani dalle prestazioni degli aerei di prima linea. In concorrenza per l'appalto c'erano anche i sud coreani, che offrivano il T-50, derivato dall'aereo di addestyramento statunitense. Gli asiatici avevano fatto un'offerta più sostanziosa, che però è stata rifiutata.
Ma non ci sarà alcun pagamento per i 30 M346 che andranno a Tel Aviv. In cambio l'Italia avrà aerei spia ed altri prodotti militari ad alta tecnologia per il valore di un miliardo di euro.
E' l'ennesima dimostrazione di come l'Italia sia vicinissima al governo israeliano, dopo aver abbandonato, negli ultimi quindici anni la posizione di "equivicinanza", come la definì Andreotti, tra arabi ed israeliani. Solo poche settimane fa, il governo italiano ha concesso ad aerei israeliani, in addestramento per il programmato attacco all'Iran, l'uso della base sarda di Decimomannu per addestrarsi al volo sull'acqua su lunghe distanze.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©