Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La donna è morta per un arresto cardiaco

Londra, fuma uno spinello e muore

Si indaga sulla tossicità della cannabis

Londra, fuma uno spinello e muore
30/01/2014, 21:46

LONDRA - Una donna di 31 anni, mamma di un ragazzo di 15 anni e di una bambina di 8, è morta nel Regno Unito a seguito di un arresto cardiaco provocato presumibilmente da un avvelenamento da cannabis. La donna, Gemma Moss, è morta infatti nel suo letto dopo aver fumato uno spinello. Dall’autopsia non è emersa alcuna lesione ai suoi organi interni e dunque si pensa che la morta sia stata provocata esclusivamente dall’arresto cardiaco. A questo punto resta da capire se quest’ultimo sia stato causato dalla tossicità o meno della cannabis, di cui la donna era una consumatrice abituale, in particolar modo a partire dalla rottura con il suo compagno. La donna usava la cannabis coma calmante la sera prima di andare a dormire.

A chiamare i soccorsi è stata la fidanzatina del figlio. La famiglia ha inizialmente negato che la donna facesse uso di droghe, ma gli esami tossicologici hanno dimostrato che fosse una consumatrice abituale di cannabis.

David Raynes, del National Drug Prevention Alliance, ha dichiarato al Daily Mail che morire per uso di cannabis è davvero inusuale e che si tratterebbe del primo caso al mondo, motivo per cui questo episodio non va sottovalutato. “La cannabis solitamente non causa la morte, motivo per cui sono in molti a non ritenerla una droga pericolosa. Il caso di Gemma deve però mettere in allerta”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©