Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Valentino Rossi: “sono con i contestatori"

Londra, morta un'altra vittima degli scontri

Cameron intanto propone di bloccare i social network

Londra, morta un'altra vittima degli scontri
12/08/2011, 09:08

Anche se la situazione nel Regno Unito è sempre più sotto controllo e la seconda notte senza scontri è terminata, la polizia ha purtroppo annunciato di una nuova vittima degli scontri ovvero Richard Mannington Bowes, 68enne in coma da lunedì  sulla cui morte è stata aperta un inchiesta per stabilire come siano andate le cose. L’uomo era stato colpito durante i disordini che si sono verificati nella zona ovest di Londra mentre cercava di domare un incendio. Fu trovato incosciente a Ealing dove gli scontri erano stati particolarmente forti. "Si è trattato di un episodio di brutalità che ha avuto come risultato la morte insensata di un uomo innocente", ha dichiarato l'ispettore capo di polizia John McFarlane. Intanto il primo ministro britannico David Cameron dopo il dispiegamento di ben 16mila agenti ha annunciato che per domare i disordini ci saranno nuove misure di sicurezza, affrontando anche  il problema dei gruppi criminali che si formano attraverso le reti social. Dal BlackBerry Messenger (Bbm) ai social network veri e propri valutando l’opportunità di bloccarli perchè proprio i social porebbero essere stati il filo che ha mantenuto  i contatti tra i manifestanti. I rivoltosi però hanno dalla loro parte il campione del mondo di motociclismo Valentino Rossi che ha così commentato quanto accaduto:  "Sono con i contestatori. La polizia dovrebbe dare una mano e risolvere i problemi, non mettersi a menare la gente e uccidere dei ragazzi". "Se c'è questo casino - prosegue - forse il perché è proprio nel comportamento delle forze dell'ordine".

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©