Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

LONDRA: SCONTRI E ARRESTI, LA PROTESTA PRO-TIBET AL PASSAGGIO DELLA FIACCOLA


LONDRA: SCONTRI E ARRESTI, LA PROTESTA PRO-TIBET AL PASSAGGIO DELLA FIACCOLA
06/04/2008, 18:04

 

Scontri in atto a Londra, dopo il passaggio della fiaccola olimpica di Pechino 2008.

Diversi arresti, quasi una rivolta.

Per le strade della Capitale inglese un manifestante pro-Tibet ha tentato di spegnere la fiaccola con un estintore.

Ma erano già centinaia i protagonisti della protesta, che con cartelli, bandiere e slogan aspettavano il passaggio a Bauwater Road.

Dopo il tentativo di spegnere la fiamma sono iniziati gli scontri con la polizia.

Almeno tre persone sono state arrestate a Trafalgar Square, al centro di Londra, dove la tensione è ancora alta. Perché c’è chi contrasta la protesta per il Tibet. La polizia, infatti, tenta di tenere separati i gruppi di dimostranti pro-Cina e pro-Tibet, che però sono entrati in contatto. Finora almeno 18 persone sono state arrestate lungo il percorso.

Contemporaneamente il premier Gordon Brown ha accolto il passaggio della fiaccola olimpica a Downing Street, accompagnato dal sottosegretario britannico alle Olimpiadi Tessa Jowell. Quest’ultima ha detto: “Il passaggio della fiaccola attraverso Londra non significa assolutamente che noi appoggiamo il governo cinese nel suo comportamento in Tibet”.

E poi: “ Siamo stati assolutamente chiari con la Cina, devono dialogare con il Dalai Lama sulla situazione in Tibet. Per il resto, questa dev’essere una festa della sport”.

Intanto l’ambasciatore cinese nel Regno Unito, la signora Fu Ying, ha corso oggi a Londra con la fiaccola olimpica, ma non nel tratto accanto al British Museum dov’era previsto. Fu Ying ha fatto da tedoforo a Chinatown.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©