Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'accusa a lui rivola è di intralcio alla giustizia

Londra: si dimette il ministro Huhne. Mentì su una multa

Accollò la contravvenzione alla moglie Vicky

Londra: si dimette il ministro Huhne. Mentì su una multa
04/02/2012, 10:02

LONDRA – Ha annunciato le proprie dimissioni il ministro dell’Ambiente britannico, Chris Huhne. Il motivo? Una bugia detta su una multa per eccesso di velocità. Era il 2003 quando il ministro dichiarò che era stata sua moglie Vicky a prendere la contravvenzione, mentendo con lo scopo di non perdere punti dalla sua patente di guida: oggi, la Procura britannica ha deciso di processarlo, perché la sua menzogna ha rappresentato un intralcio alla giustizia. Tanto l’ex ministro, quanto la sua ormai ex moglie, Vicky Pryce, ora dovranno comparire di fronte a un giudice il 16 febbraio. Qualora dovessero essere ritenuti colpevoli, rischiano la prigione: la pena massima per intralcio alla giustizia, infatti, è l’ergastolo. I fatti di cui è accusato Huhne risalirebbero al 2003: la vicenda sarebbe emersa dopo la separazione dalla moglie Vicky Pryce.
Huhne, che si dichiara innocente, in un mini rimpasto, è stato sostituito dal sottosegretario per le Imprese, Ed Davey. Il posto di sottosegretario, occupato fino ad oggi da Davey, è andato invece al segretario per il Parlamento del vicepremier libdem Nick Clegg, Norman Lamb, e la parlamentare Jo Swinson prenderà il suo posto. Le sue dimissioni sono state definite come “la giusta decisione” dal primo ministro David Cameron. E’ la terza volta che un ministro della coalizione lascia: il conservatore Liam Fox, che aveva consentito ad un amico di accompagnarlo in visite ufficiali, si è dimesso da ministro della Difesa nell’ottobre scorso, mentre il libdem David Laws aveva lasciato il dicastero del Tesoro solo 17 giorni dopo la formazione del governo, per via di uno scandalo sui rimborsi parlamentari da lui percepiti.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©