Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Ma Tel Aviv non intende fermarsi

L'Onu condanna il progetto israeliano di 1600 nuovi insediamenti


L'Onu condanna il progetto israeliano di 1600 nuovi insediamenti
10/03/2010, 10:03

GERUSALEMME - Questa volta entra direttamente in campo il Segretario Generale dell'Onu, il coreano Ban Ki-Moon, per opporsi al progetto israeliano che prevede la costruzione di 1600 nuovi insediamenti per i coloni, tutti su territorio palestinese. Il portavoce del Segretario, Martin Nesirky, ha infatti comunicato: "Il segretario generale condanna l'approvazione del progetto di costruzione di altre 1.600 abitazioni a Gerusalemme Est da parte del ministero dell'Interno israeliano. Ban Ki-Mon ripete che gli insediamenti sono una pratica illegale per la legge internazionale. Inoltre, il segretario generale sottolinea come gli insediamenti siano contrari agli obblighi di Israele nell'ambito della Road Map, e minino qualsiasi passo in direzione di un possibile percorso di pace".
Ma Tel Aviv non ha mai inteso rispettare la Road Map, ma solo impossessarsi dei territori palestinesi. Infatti questi 1600 insediamenti si possono costruire solo distruggendo molte abitazioni palestinesi. E' solo un modo per scacciarli da dove abitano.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©