Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Copiate le sanzioni statunitensi

L'Ue approva le sanzioni contro gli iraniani: niente petrolio e gas


L'Ue approva le sanzioni contro gli iraniani: niente petrolio e gas
26/07/2010, 14:07

BRUXELLES (BELGIO) - Anche l'Unione Europea si adegua agli ordini provenienti da Washington e decide di applicare altre sanzioni contro i cittadini iraniani, oltre quelle già approvate dall'Onu a giugno. E sono sanzioni sulla stessa falsariga di quelle applicate dagli Stati Uniti: niente più commercio di derivati del petrolio (benzina, kerosene, ecc.) e di gas; neanche a livello di tecnologia per la raffinazione del petrolio o per la liquefazione del gas. Inoltre vengono limitate le possibilità di commerciare con l'Iran con qualsiasi bene e viene bloccata l'attività in Europa delle banche iraniane.
Si tratta di provvedimenti che colpiscono la popolazione civile iraniana, che rischia di trovarsi in estrema difficoltà. Infatti l'Iran è il secondo produttore al mondo di petrolio, ma ha pochissimi impianti di raffinazione. Per lo più importa benzina e kerosene ed esporta petrolio. Senza questo commercio, la popolazione irachena si troverà senza carburante per muoversi o per ricevere cibo ed altri generi di prima necessità. Già in alcuni casi ci sono state le compagnie aeree iraniane a cui è stato rifiutato il pieno di carburante per gli aerei durante gli scali tecnici in alcuni Paesi europei ed anche quelli mediorientali più vicini agli Usa. Inoltre, bloccando le importazioni di gas, quest'inverno i civili iraniani batteranno i denti dal freddo. Non si pensi che quella zona d'inverno è calda; capita anche che cada la neve. Ma nulla di questo viene detto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©