Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Potrebbe essere solo una misura per rafforzare il fiorino

L'Ungheria decuplica le proprie riserve auree. "Ungarexit" in vista?


L'Ungheria decuplica le proprie riserve auree. 'Ungarexit' in vista?
19/10/2018, 17:33

BUDAPEST (UNGHERIA) - Con una mossa a sorpresa, la Banca Centrale ungherese si è lanciata nell'acquisto di oro. Nel solo mese di ottobre sono state acquistate ben 28,4 tonnellate d'oro. Una quantità notevole, se si pensa che dal 1986 la Banca Centrale deteneva solo poco più di 3 tonnellate d'oro, nei suoi caveau. Improvvisamente quindi la quantità è stata decuplicata. 

I motivi sono ignoti. Alcuni analisti mettono in relazione questa mossa con quella della Bundesbank di farsi restituire l'oro depositato presso la Federale Reserve. Altri invece mettono in collegamento il comportamento dell'Ungheria con il forte contrasto che il governo italiano sta mettendo in atto contro la Commissione Europea. E quindi sarebbe una mossa per poter minacciare Bruxelles di una uscita dell'Ungheria e magari anche degli altri Paesi del cosiddetto "gruppo di Visengrad" (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca), per ottenere più soldi. Una minaccia che sarebbe sostenuta anche dell'Italia che approfitterebbe del suo essere un Paese fondatore e il suo essere "too big to fail" (Troppo grande per fallire). Vista la debolezza dell'Europa in questo periodo, l'idea è che facendo pressione da due lati, si potrà ottenere la frantumazione dell'Unione Europea. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©