Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Pena sospesa fino al compimento dei 18 anni

Maldive: 15enne stuprata dal patrigno e condannata a 100 frustate


Maldive: 15enne stuprata dal patrigno e condannata a 100 frustate
28/02/2013, 20:51

ISOLE MALDIVE - Incredibile episodio capitato ad una ragazza 15enne che vive nell'isola Feydhoo, una delle circa 200 isole che compongono l'arcipelago. Prima è stata violentata per anni dal patrigno; poi, quando quest'ultimo è stato arrestato per le violenze, è stata arrestata anche lei, perchè si è lasciata scappare di aver fatto sesso con un altro ragazzo. Ed è stata condannata a 8 mesi di reclusione e 100 frustate, queste ultime da scontare al raggiungimento della maggiore età. 
Gli stupri erano iniziati alcuni anni fa, con la madre che sapeva tutto ma restava zitta. Le cose sono precipitate quando la ragazza è rimasta incinta. Per nascondere il pancione avevano ritirato la ragazza da scuola, in modo che nessuno la vedesse col pancione; dopo di che, quando il bambino era nato, l'avevano ucciso e seppellito in giardino. Ma qualcuno ha fatto una segnalazione alla Polizia che, con una breve perquisizione, ha notato la doccia appena installata, sotto cui era stato sepolto il bambino e ha arrestato il patrigno per gli stupri ed omicidio e la madre per favoreggiamento. Ma ha arrestato anche la 15enne, che ha violato la shaaria che è applicata in quel Paese. 
La notizia ha destato molto scalpore anche alle Maldive, tanto che è intervenuto personalmente il Presidente Mohammed Waheed, che ha ordinato alla Procura di presentare immediatamente ricorso contro questa sentenza. 
Eppure non è la prima volta che accade: la pena di 100 frustate è stata comminata almeno 4 volte negli ultimi 3 anni ad altrettante minorenni, per avere avuto rapporti sessuali prematrimoniali, spesso non consenzienti. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©