Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

L'accordo pone fine a un anno di guerra civile

Mali, firmato accordo tra forze governative e ribelli

Importante ruolo dell'UE nei negoziati

Mali, firmato accordo tra forze governative e ribelli
18/06/2013, 21:11

OUAGADOUGOU (BURKINA FASO) - Il governo del Mali e i ribelli separatisti tuareg che controllavano l’area nord del Paese hanno firmato il cessate fuoco dopo oltre un anno di guerra civile. Le due settimane di negoziati a Ouagadougou, capitale del vicino Burkina Faso, hanno dunque permesso di raggiungere quello che l’Unione Europea ha definito come un accordo “storico”, che permetterà il ritorno delle truppe regolari e degli amministratori civili a Kidal, nel nord-est del Paese, al confine con l’Algeria, tradizionalmente considerata come la roccaforte che i ribelli avevano espugnato alla fine di gennaio.

L’accordo prevede la formazione di una commissione composta da membri dell’esercito, dai tuareg e da mediatori internazionali, ed inoltre rende possibile lo svolgimento delle elezioni presidenziali, in programma per il prossimo 28 luglio. Decisivo, durante i negoziati, il ruolo svolto dagli stati sub-sahariani e dall’Unione Europea.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©