Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

L'ha deciso il Tribunale penale internazionale

Mandato di cattura internazionale per Gheddafi e il figlio


Mandato di cattura internazionale per Gheddafi e il figlio
27/06/2011, 14:06

L'AJA (OLANDA) - Con tempismo perfetto, il Tribunale Penale Internazionale interviene sulla vicenda libica, tagliando le gambe a qualsiasi possibilità di trattativa sulla situazione in Libia, con un mandato di cattura internazionale per il leader libico Muhammar Gheddafi. Accogliendo la richiesta del Procuratore portoghese Moreno Ocampo, il Tpi ha decretato l'arresto del leader libico, del figlio Seif al Islam e di Abdellah Senussi, numero uno dei servizi segreti libici. Le accuse sono di "crimini contro l'umanità", per gli attacchi contro la popolazione libica insorta.
Questo significa che, se mai ci sono stati margini di discussione e trattativa, per far allontanare Gheddafi dal Paese, ora questi margini sono ristrettissimi, in quanto Gheddafi non potrà andare in nessuno dei 116 Paesi che hanno sottoscritto la creazione del Tpi. E vederlo ospite degli Stati Uniti o di Israele (due di quelli che non hanno sottoscritto) appare difficile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©