Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

La Marina italiana dice che è tutto da verificare

Marò uccidono due pescatori indiani. Aperta una inchiesta


Marò uccidono due pescatori indiani. Aperta una inchiesta
16/02/2012, 10:02

KOCHI (INDIA) - La petroliera italiana Enrica Lexie è stata dirottata da navi indiane ed ora è bloccata all'interno del porto di Kochi. L'accusa è che i soldati italiani a bordo per la difesa, appartenenti al Battaglione San Marco, abbiano ucciso due pescatori indiani.
I fatti cominciano 24 ore fa, quando la Marina Militare italiana in un comunicato spiega che i soldati hanno aperto il fuoco contro una imbarcazione di pirati; dopo tre salve, questi ultimi sono scappati via. Oggi le autorità navali indiane hanno fermato la petroliera italiana, accusando i soldati di aver sparato su una imbarcazione di pescatori che stava per i fatti suoi. SUlla vicenda inoltre hanno aperto una inchiesta.
A seguito di ciò, la Marina Militare italiana ha emesso un nuovo comunicato, dove specifica che l'imbarcazione si è avvicinata usando le stesse tattiche che usano i pirati, non si è allontanata quando gli è stato segnalato e sono state necessarie tre raffiche di avvertimento, per costringerla ad andare via. Dichiarazione non dissimile da quella del nostro ambasciatore in India: "Il mercantile è stato attaccato da un'imbarcazione di pirati in acque internazionali. Il personale della Marina italiana a bordo, dopo ripetuti segnali di avvertimento e dopo aver verificato che i pirati erano armati, ha sparato gradualmente alcuni colpi di avvertimento e i pirati si sono ritirati"

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©