Dal mondo / America

Commenta Stampa

Intanto la Bp prepara due pozzi di soccorso

Marea Nera, il "tappo" raccoglie mille barili di petrolio


Marea Nera, il 'tappo' raccoglie mille barili di petrolio
04/06/2010, 18:06

NEW YORK - Il tappo di contenimento che la Bp ha messo sulla tubatura da cui fuoriesce il greggio, nel Golfo del Messico, riesce a raccogliere 1.000 barili al giorno. A dirlo è la Guardia Costiera americana che attualmente sta sorvegliando affinchè vada a buon fine il tentativo della compagnia petrolifera di riparare il disastro ambientale della Marea Nera.
Secondo le stime del Governo Usa il greggio continua ad uscire alla quantità di 19mila barili giornalieri. Pertanto, il tappo non riesce ancora a prenderne quanto necessario: “Ad un certo punto della giornata” - ha aggiunto l'ammiraglio della Guardia Costiera, Thad Allen – “saremo in grado di dare una valutazione approssimativa di quanto greggio stiamo catturando”.
Un successo solo parziale e provvisorio, dunque, con il quale però la Bp spera di calmare le acque: Barack Obama, infatti, è’ ancora furioso per quanto accaduto, tanto da cancellare il viaggio programmato in Indonesia per recarsi nuovamente in Louisiana.
La tecnica utilizzata per tappare la falla è semplice ma non del tutto completa. Gli esperti sono riusciti, con una gigantesca cesoia manovrata da robot sottomarini, a tagliare la tubatura a 1.600 metri di profondità da cui fuoriesce il petrolio. Il taglio è però molto irregolare e per questo non è chiaro se il tappo-imbuto reggerà. L'imbuto, collegato a un tubo, dovrebbe permettere di pompare il petrolio verso una nave cisterna in superficie, anche se c'è il rischio che non sia stato posizionato correttamente.
La compagnia, intanto, sta anche lavorando alla realizzazione di due pozzi di soccorso che però saranno utilizzabili soltanto ad agosto.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©