Dal mondo / America

Commenta Stampa

Adesso rischia il licenziamento dal corpo dei Marines

Marine nei guai per un post su face book contro Obama


Marine nei guai per un post su face book contro Obama
22/03/2012, 21:03

USA - Un sergente Marine ha aperto un gruppo su Facebook palesemente critico nei confronti del presidente Barack Obama, postando anche dei commenti dicendo che non seguirà gli ordini illegittimi del comandante in capo. Ora, si trova ora ad affrontare il licenziamento possibile dal corpo
Gary Stein – questo il nome del marine - ha aperto una pagina di Facebook chiamata Armed Forces Tea Party, che risulta aver violato la politica del Pentagono. Stein, da nove anni membro del Corpo, ha dichiarato di aver aperto la pagina per incoraggiare i colleghi membri di servizio ad esercitare i loro diritti di libertà di parola. Come se non bastasse, ha anche criticato il Segretario alla Difesa Leon Panetta per i suoi commenti sulla Siria. Il Corpo dei Marines ha detto in una dichiarazione pubblica di aver ordinato una inchiesta preliminare l’8 marzo dopo aver ricevuto le accuse secondo cui Stein avrebbe pubblicato dichiarazioni politiche che violano le direttive del Pentagono.
“Dopo aver esaminato i risultati dell’inchiesta preliminare, il comandante ha deciso di affrontare le accuse attraverso l’azione amministrativa”, ha riferito il Corpo. “Sono assolutamente scioccato dal fatto che questo stia accadendo”, ha detto Stein.“Non ho fatto nulla di male. Ho solo detto quello che fa parte del nostro Giuramento: difendere la Costituzione e non seguire gli ordini illegali. Se questo è un reato, dove andrà a finire l’America?” Stein ha dichiarato che intende combattere le accuse. Aveva anche chiesto di prolungare il suo servizio, che era fissato a pochi mesi inizialmente.
Stein ha anche riferito che oltre ad essere dimesso, tornerebbe ad essere caporale se si dimostreranno le accuse. Ha detto poi che è stato rimosso dal suo lavoro presso la Marine Corps Depot Recruiting a San Diego e gli è stato dato un lavoro d’ufficio che non prevede accesso ai computer. Secondo le direttive del Pentagono, il personale militare in uniforme, non può sponsorizzare un club politico, partecipare a qualsiasi discussione televisiva o radiofonica o ad un gruppo che sostiene o va contro un partito politico, parlare, o, in ogni caso, promuovere un movimento politico. I Sottufficiali, inoltre, non possono usare parole sprezzanti nei confronti di alti funzionari, tra cui il segretario della Difesa o il Presidente.
Stein è stato ammonito dai suoi superiori a Camp Pendleton nel 2010, dopo aver lanciato la sua pagina di Facebook e aver criticato la manovra di Obama nel campo della Sanità. Il Marine ha detto che la sua dichiarazione faceva parte di un dibattito online sulla NATO, in cui si discuteva dell’opportunità per le truppe statunitensi di essere processate per i roghi del Corano in Afghanistan. In tale contesto, Stein dichiarò che non avrebbe eseguito gli ordini del Presidente, se questi avessero incluso la detenzione di cittadini statunitensi, il loro disarmo o qualsiasi altra cosa che egli ritiene violi i loro diritti costituzionali. Stein ha detto che rispetta l’ufficio del Presidente, ma non è d’accordo con le politiche di Obama. E che in ogni caso ha libertà di esprimere le proprie idee. Il Corpo dei Marines ha detto che a Stein è permesso di esprimere le proprie opinioni personali, fintanto che non danno l’impressione che stia parlando nella sua veste ufficiale di Marine.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©