Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Il bilancio di morti è salito a 17

Marocco:Identificato responsabile strage del 28 aprile

L'uomo indossava parrucca e aveva una chitarra in mano

Marocco:Identificato responsabile strage del 28 aprile
06/05/2011, 18:05

 È stato identificato il responsabile della strage dello scorso 28 aprile, avvenuta in piazza Jamaa El-Fna di Marrakesh in Marocco e durante la quale sono rimaste uccise 17 persone di cui l’ultima ha perso la vita oggi.
Il principale sospettato è dunque un marocchino di 28 anni che fingendosi da turista, con tanto di parrucca e chitarra in mano, avrebbe depositato, sotto gli occhi di tutti i presenti nel caffè Argana, due bombe telecomandate all’interno di pentole a pressione chiuse in una valigia.
L’uomo è un seguace di Al Qaida e fedele all’ideologia Jihadista. Le notizie sono pervenute in seguito al suo arresto, avvenuto nella giornata di ieri a Safi, nel sud del Marocco. Insieme a marocchino, di cui non è stata rivelata l’identità è stato arrestato anche altri due sospetti. L’uomo sotto interrogatorio ha riferito alla polizia di aver vissuto in Libia e di aver cercato di recarsi in Iraq. Come ha detto il ministro dell’interno marocchino, questi avrebbe anche preparato l’attacco alla casa dei genitori a 330 chilometri a sud di Casablanca.
La ragazza che ha perso oggi la vita in seguito ad un’esplosione è Cristina Caccia, 25 anni, svizzera ticinese. Inizialmente rimasta ferita, è morta dopo il peggioramento delle sue condizioni all’ospedale di Zurigo.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©