Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

MERCOSUR, NIENTE PASSAPORTO PER VIAGGIARE NEI PAESI MEMBRI


MERCOSUR, NIENTE PASSAPORTO PER VIAGGIARE NEI PAESI MEMBRI
19/11/2008, 16:11

Grazie ad uno degli accordi presi durante la recente XXIII riunione dei Ministri dell' Interno del Mercosur (Mercato Comune del Sud) e degli Stati Associati tenutosi a Tucumàn (Argentina), e quasi anche per replicare alla recente approvazione della direttiva europea sui rimpatri, i mandatari sudamericani hanno annunciato l'eliminazione dell'utilizzo dei passaporti per circolare nei dieci Paesi della Regione appartenenti al blocco o semplicemente associati.
Si è accordato inoltre la realizzazione di una banca dati in comune con le informazioni dei bambini e adolescenti in situazioni di vulnerabilità, il quale permetterà di prevenire e contrarrestare in maniera efficace la tratta di bambini. Non più barriere insomma che separano diversi Paesi sudamericani: ai quattro membri attivi del Mercosur (Argentina, Uruguay, Paraguay e Brasile) si sommano il Venezuela (che sta per essere incluso nel blocco) e i cinque Paesi associati cioè Perù, Bolivia, Cile, Ecuador e Colombia. C'è anche il Messico, che ad oggi è solo un osservatore. Saranno invece esclusi dall'accordo Guayana e Suriname.
L'accordo entrerà in vigore dopo che ogni governo avrà dato le istruzioni del caso ai propri organismi di immigrazione, senza bisogno di alcuna approvazione parlamentare. Da quel momento in poi sarà necessario per spostarsi all'interno del blocco solo il Dni, ossia la carta d'identità. A dare i successivi dettagli saranno i singoli governi che potranno determinate una lista dei documenti considerati validi per l'espatrio. Ma un documento unico di viaggio per i paesi del Mercosur continua ad essere un tema permanente di studio da parte della Commissione di Controllo Migratorio (Resolución Nro. 112/94 del Grupo Mercado Común): caratteristiche comuni dovranno riunire nelle future emissioni le carte d'identità (cédulas de identidad) dei paesi membri del Mercosur.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©