Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

La Ue non intende perdere altro tempo

Merkel: accordo quasi impossibile sulla Brexit


Merkel: accordo quasi impossibile sulla Brexit
09/10/2019, 09:33

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Traspare notevole irritazione da parte dei Paesi europei per quella che ormai è una sceneggiata invereconda, portata avanti dal governo britannico sulla Brexit. E così si incominciano ad alzare i muri. A cominciare dalla cancelliera Angela Merkel, che ha avuto una lunga telefonata con il premier britannico Boris Johnson. E che è stata esplicita nel definire "quasi impossibile" l'accordo con la Gran Bretagna sulla Brexit, a causa dei continui no del Parlamento britannico all'unico accordo possibile. Anche il presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, ha detto che la Gran Bretagna non ha portato altro che generiche idee, ma nessun progetto concreto per risolvere il problema dell'Irlanda del Nord. 

In realtà appare sempre più evidente che l'interesse di Johnson è solo di andare al no deal per poi dare la colpa alla Unione Europea e alla stessa Merkel. Lo dimostrano anche le voci insistenti di un accordo tra la Gran Bretagna e alcuni Paesi dell'Est Europa perchè non accettino nessun rinvio della Brexit dopo il 31 ottobre. E basta il veto di un solo Paese perchè il rinvio non ci sia. Chi voterà no, dicono i rumors, sarà "ricompensato" con accordi commerciali vantaggiosi con la Gran Bretagna. Il punto è: quali accordi commerciali? Il grosso delle esportazioni britanniche sono i servizi finanziari. Ma con una Gran Bretagna fuori dalla Ue, Londra perderebbe il titolo di capitale finanziaria. E quindi cosa può offrire? Carne di pecora e le Toyota fabbricate a Vauxall?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©