Dal mondo / America

Commenta Stampa

Obama dichiara lo stato di emergenza

Messico: Alex diventa uragano


Messico: Alex diventa uragano
30/06/2010, 11:06

Houston - Mentre nel sud del Messico è stata registrata una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5, sulle coste al confine tra Messico e Stati Uniti sta per arrivare Alex: la tempesta tropicale diventa uragano e toccherà terra domani sera oppure all'alba di giovedì.
Potrebbe rendere più difficile il lavoro del British Petroleum e dell'amministrazione federale che sono intenti ad arginare la marea nera nel Golfo. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama lancia l'allarme e dichiara lo stato di emergenza che incombe sul Texas. Alex già conta una vittima: una donna morta trovata ad Oaxaca, nel Sud del Messico. L'allarme ha fatto sospendere alcune operazioni come il controllo degli incendi, il lancio aereo dei solventi e il collocamento dei galleggianti.
Rallentano anche i lavori per il recupero del greggio. L'uragano non minaccia direttamente la zona della marea nera, ma i lavori nel Golfo si trovano ad affrontare grosse complicazioni. Nel Messico meridionale intanto, il terremoto ha fatto tremare gli edifici della capitale,non risultano danni nè feriti, ma soltanto tanta paura.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©