Dal mondo / America

Commenta Stampa

Non ci sarebbero vittime

Messico, autobomba narcos esplode davanti a caserma


Messico, autobomba narcos esplode davanti a caserma
06/08/2010, 18:08

Un'autobomba è esplosa davanti ad una caserma della polizia nel Messico del nord. L'esplosione non ha provocato vittime, ma è il secondo ordigno posto in un'automobile che i cartelli narcos del Messico fanno esplodere in un mese (il primo è scoppiato il 15 luglio lasciando sul campo quattro morti), a conferma dell'incrementarsi delle tecnologie a loro disposizione nella guerra che fino ad ora ha lasciato sul campo dal 2006 circa 28mila morti. L'ordigno si trovava in un'auto parcheggiata sul retro della caserma della polizia a Ciudad Victoria, nello Stato del Tamaulipas, uno dei più martoriati dalla guerra contro i cartelli. Due automobili vicine sono state danneggiate, ma non si conosce ancora che tipo di esplosivo è stato utilizzato. Il governo del presidente Felipe Calderon cerca di contenere la forza dei cartelli, che usano parte dei profitti derivanti dalla vendita di droghe (stimati in 40 miliardi di dollari all'anno) per acquistare armi ed esplosivi di ultima generazione, come appunto le autobomba, i cui detonatori sono attivati mediante telefoni cellulari.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©