Dal mondo / America

Commenta Stampa

Nessun danno, per il bambino prodigio

Messico: Michelito, torero di 12 anni colpito dal toro



Messico: Michelito, torero di 12 anni colpito dal toro
07/06/2010, 13:06

MEXICO CITY (MESSICO) - Michel Lagravere, meglio conosciuto come Michelito, è uno dei baby fenomeni delle corride, in Messico. Ha solo 12 anni e già da un anno si diverte ad uccidere i tori. Ma questa volta, come si può vedere dal filmato, le cose non sono andate bene: il toro è riuscito a colpirlo, anche se era troppo debole e troppo pieno di tranquillanti per riuscire a fargli del male. Così alla fine, la visita medica ha potuto verificare che non si era fatto nulla di serio.
Ormai la corrida, tanto in Messico quanto in Spagna, è diventata una barzelletta. Il toro, prima di essere portato nell'arena, viene tenuto a digiuno per giorni, per farlo diventare debole; poi viene imbottito di anfetaminee tranquillanti vari. In questa maniera, quando entra nell'arena, fa fatica a reggersi in piedi. Certo, poi l'uso degli strumenti di tortura, come le banderillas (quei bastoni che si conficcano nella schiena del toro, e che sono dotati di una punta uncinata, fatta apposta per aprire una ferita che poi non si chiude più), provoca quel dolore che crea la reazione del toro. Ma è un toro che non ha la forza di muoversi. Sicchè uno deve solo fare un serio errore, per essere colpito, come è successo in questo caso.
Personalmente io sono dalla parte del toro. E mi dispiace che questa volto il toro non abbia ucciso il torero o, quanto meno, non gli abbia spezzato la schiena o le gambe. Sarebbe stata una interessante lezione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©