Dal mondo / America

Commenta Stampa

I detenuti avevano preso in ostaggio una guardia

Messico, rivolta in carcere: almeno 44 morti

Le autorità hanno ripreso il controllo della situazione

Messico, rivolta in carcere: almeno 44 morti
20/02/2012, 09:02

MONTERREY (MESSICO) - Sono almeno 44 le persone che ieri hanno perso la vita durante una rissa scoppiata nel carcere di Apocada, a Monterrey, nel nord del Messico, alla frontiera con gli Stati Uniti.

Fonti ufficiali riferiscono che la rivolta è scoppiata quando alcuni detenuti del braccio C si sono rifiutati di venire trasferiti in altri penitenziari e hanno preso in ostaggio uno dei custodi. Da lì, i disordini si sono poi diffusi in un altro blocco della struttura ed è iniziata la rissa, che ha provocato decine di morti e feriti. Non si esclude la possibilità che l'evento sia collegato alla lotta tra bande rivali di narcotrafficanti.

Alcuni familiari dei prigionieri, che si trovavano all'esterno del penitenziario per la consueta visita domenicale ai propri parenti, hanno riferito di aver sentito diversi colpi di arma da fuoco provenire dall'interno del carcere, dove negli ultimi mesi sono stati registrati circa quaranta decessi.

Le autorità hanno ripreso il controllo della situazione nel giro di poche ore. Jorge Domene, il portavoce dello Stato settentrionale di Nuovo Leon, dove si trova il carcere di Apocada, ha fatto sapere che nell'istituto penale, che registra la presenza di 3mila detenuti, è tornato l'ordine. Un elicottero della polizia penitenziaria controlla la situazione dall'alto e il carcere, in questo momento, è massicciamente presidiato da militari, truppe federali e forze speciali.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©