Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo 3 mesi, Minerva è andata ai servizi sociali

Messico: sopravvissuta a 2700 proiettili, si arrende ai narcos


Messico: sopravvissuta a 2700 proiettili, si arrende ai narcos
07/07/2011, 15:07

MESSICO - Minerva Bautista lo scorso 24 aprile 2010 stava andando nel suo ufficio di Responsabile per la sicurezza delo stato messicano del Michoacan, con la sua jeep blindata e le guardie del corpo. All'improvviso, venne fatta oggetto di un attacco dei narcos: un vero e proprio commando colpì la vettura con almeno 10 granate a frammentazione e sparò almeno 2700 proiettili, usando mitragliatrici e fucili di precisione con proiettili ad alto potere perforante. Nonostante questo, riuscirono solo a ferire MInerva, mentre la scorta tentava di reagire. Il bilancio finale vide la morte di due agenti della scorta e due passanti.
Uscita dall'ospedale, Minerva si dimise dal suo incarico e solo in questi giorni è tornata a lavorare in un ufficio pubblico. Ma uno molto più tranquillo, agli Affari sociali, dove di certo non sarà un bersaglio interessante per le bande criminali che lavorano la droga e la esportano negli Stati Uniti. Del resto, l'ha detto anche lei: "Ho dato la priorità alla mia vita".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©