Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ma non c'è alcuna novità, dal punto di vista storico

Mevdev pubblica on line le prove dell'eccidio di Katyn


Mevdev pubblica on line le prove dell'eccidio di Katyn
29/04/2010, 10:04

MOSCA - Da ora, chi vuole dare un'occhiata ad una parte dei documenti - meno di 70 volumi di documenti su 183 - relativi alle responsabilità russe
sull'eccidio di Katyn, potrà trovarle sul sito
www.rusarchives.ru, grazie alla decisione del presidente russo Dmitri Mevdev di pubblicarle. I primi a tuffarvisi sopra sono stati soprattutto polacchi, ucraini e russi, perchè più direttamente interessati ad un episodio poco conosciuto della Seconda Guerra Mondiale, anche se l'anno scorso è stato fatto un ottimo film sulla vicenda.
I fatti risalgono al 1939. Il primo settembre i tedeschi invasero la Polonia, smembrandone l'esercito in poche settimane. Quando fu evidente che l'esercito polacco era distrutto, intervenne la Russia, invadendo la Polonia dal confine orientale, la zona dove stava Katyn. Qui tre l'inverno del 1939 e la priomavera del 1940 furono portati oltre 22 mila tra ufficiali dell'esercito polacco ed altre "personalità" (politici, professori universitari, laureati) e giustiziati. Nel 1942, quando quella zona era passata nelle mani dei tedeschi, dopo l'inizio dell'Operazione Barbarossa (cioè l'invasione dell'URSS) fu scoperta una delle tante tombe comuni. I tedeschi accusarono i russi; i russi, supportati dagli americani e dagli occidentali in genere, sostenevano che erano stati i nazisti. Ma alla fine si capì, dallo stato di conservazione dei corpi, che erano stati uccisi in un periodo in cui la Polonia era sotto il controllo di Stalin.
Ora questi documenti non sono che l'ulteriore conferma, già acquisita indubitabilmente con i documenti resi noti nel 1990 da Gorbaciov. DI caratteristico c'è una lettera, scritta dall'allora capo del KGB (si chiamava NKVD, ma era la stessa cosa) Lavrenti Beria in cui proponeva di organizzare l'eccidio. E in fondo la risposta di Stalin, con la sua firma e un laconico "Sono favorevole". Per colui che ha ammazzato milioni di russi nei gulag, cosa era la strage di 22 mila polacchi?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©